Loano Comune Ciclabile

Tempo di lettura:

3 minuti

Per il terzo anno consecutivo Loano ha ottenuto la qualifica di “Comune Ciclabile” da parte della Fiab (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta). Il riconoscimento viene conferito a tutte quelle amministrazioni comunali che mettono in pratica concrete politiche per la mobilità in bicicletta, perché “una città a misura di bicicletta è prima di tutto una città per le persone”.

Nato nel 2017, il progetto ComuniCiclabili Fiab valuta il grado di ciclabilità dei comuni, vale a dire quell’insieme di infrastrutture e azioni che li rendono adatti ad essere vissuti e visitati in bicicletta, un strumento utile ai cittadini e ai turisti. Questi ultimi hanno sempre più necessità di uno strumento autorevole che permetta di confrontare, con criteri omogenei, quanto una località sia realmente a misura di bicicletta. Obiettivo principale dell’iniziativa ComuniCiclabili, dunque, è quello di sostenere e accompagnare le amministrazioni locali nelle loro politiche bike-friendly e nell’impegno per lo sviluppo di una mobilità sostenibile. Ad oggi sono ben 136 le città italiane sulle quali sventola la bandiera gialla di ComuneCiclabile: una realtà che, nell’insieme, rappresenta 9,3 milioni di persone, ovvero più del 15 per cento della popolazione italiana.

La valutazione del grado ciclabilità della città e del suo territorio avviene attraverso criteri oggettivi e misurabili sulla base di specifici parametri in quattro aree: infrastrutture urbane, cicloturismo, governance e comunicazione & promozione. L’attestazione di ComuneCiclabile rilasciata da Fiab è affiancata da un punteggio (da un minimo di 1 ad un massimo di 5) espresso in “bike-smile” sulla bandiera gialla che è ormai simbolo di ComuniCiclabili.

Loano ha ottenuto due bike-smile. Tra i dati più rilevanti si segnala un -14,10 per cento del livello di motorizzazione rispetto alla media nazionale; bene anche la moderazione del traffico grazie alla “Zona 30” prevista dal Piano Urbano del Traffico (valutato con un “due ruote su cinque”) e l’attività di comunicazione, con tre eventi in più rispetto allo scorso anno e valutata con un “tre ruote su cinque”.

Aver ottenuto per il terzo anno consecutivo il riconoscimento di Comune Ciclabile rappresenta per il Comune di Loano motivo di grande soddisfazione. Il nuovo PUT a cui l’assessorato ed il comando di polizia locale stanno lavorando ha tra i propri punti fermi proprio la promozione della mobilità sostenibile ed in particolare quella legata alle due ruote. Come già sottolineato in altre occasioni, già in occasione della stesura della prima versione del PUT, risalente al 2010, era stato evidenziata la necessità di avere una città più ‘vivibile’ per le biciclette. E negli ultimi anni l’utilizzo della bicicletta da parte dei cittadini è notevolmente aumentato, così come la richiesta di infrastrutture dedicate. Per cercare di andare incontro a queste richieste, il Comune ed il comando della polizia locale hanno introdotto, ad esempio, le ben note ‘bande di suggerimento’ per ciclisti. Ma ulteriori iniziative saranno varate nei prossimi mesi.

La Stampa 19 settembre 2020

Di recente sono stati avviati i lavori per la nuova ‘corsia ciclabile’, della lunghezza di circa cinque chilometri, che attraversa le principali vie del centro storico di Loano. Questo progetto non mira solo a creare una corsia privilegiata per le bici e quindi tutelare la sicurezza di quanti utilizzano le due ruote per i loro spostamenti, ma anche l’obiettivo di ridurre la velocità di tutti gli altri veicoli nelle zone di maggiore criticità e che rientrano già nella cosiddetta ‘Zona 30’ del centro. Inoltre, la creazione della nuova pista ciclabile rappresenta una prima risposta alle segnalazioni con le quali cittadini, negozianti, albergatori e turisti hanno chiesto al nostro Comune di sostenere e promuovere la mobilità sostenibile nelle aree di maggiore richiamo turistico.

Sul sito www.comuniciclabili.it è possibile consultare le pagelle relative alle valutazioni di tutti i 136 comuni presenti oggi in rete con i punteggi ricevuti nei diversi ambiti di valutazione previsti dal progetto.

Filtri